Tags : Chiara Beretta Mazzotta BookBlister

Incipit

La cugina di Londra

Nora e Nino fecero amicizia quando i nonni materni, assenti a lungo dalla Versilia, decisero di tornare per un’estate. Benché cugini primi, figli di sorelle, abitanti nella stessa città, finora s’erano visti di rado. Nora aveva undici anni, Nino sette. Il nonno, dopo la tragica morte del figlio, lo zio Silvio, non aveva più voluto […]Leggi di più

Incipit

Il figlio

Papà fa delle scoperte. Per esempio, non far passare una giornata senza piangere per cinque minuti, o tre volte per dieci minuti, oppure un’ora intera. È tutto nuovo. Le lacrime si fermano, ricominciano, si fermano ancora, e poi ritornano, e così via. Una grande varietà di singhiozzi, ma mai una giornata senza. Tutto questo dà […]Leggi di più

Recensioni

Consigli da leggere # 7

BookBlister consigli: La meraviglia delle piccole cose di Dawn French, Mai più paura della fisica di Giovanni Filocamo e Incanto di Pietro Grossi. VOLTAPAGINA La meraviglia delle piccole cose, Dawn French, traduzione di Ginevra Massari, Leggere editore, p. 341 Prendete una famiglia sui generis. Mo, la madre che è una psicologa dell’infanzia inabile a costruire qualsiasi forma […]Leggi di più

Concorsi

Tramando: in attesa del vincitore

E, alla fine, avete deciso di mettervi in gioco in parecchi! Dopo un inizio a dir poco claudicante (racconti che superavano il limite di battute, mancanza degli indizi, persino poesie!) sono “piovuti” nella mia casella di posta un centinaio di racconti. Il tempo non era molto, lo so, ma lo scopo di un gioco non […]Leggi di più

Recensioni

Il tempo è un bastardo

Cominciò come al solito, nel bagno del Lassimo Hotel. Sasha si stava ritoccando l’ombretto giallo davanti allo specchio, quando sul pavimento accanto al lavandino notò una borsa, probabilmente della signora che sentiva fare pipì piano piano da dietro la porta modello caveau di uno dei gabinetti. Dal bordo della borsa, appena visibile, spuntava un portafoglio […]Leggi di più

Incipit

Il tizio della tomba a fianco

“Da me vi conviene stare alla larga! Una donna sola, affranta, con una vita sentimentale senza dubbio strana. Chi lo sa cosa combinerò alla prossima luna piena? Avete letto Stephen King, no? Sono seduta su una vecchia panchina verde scuro davanti alla tomba di mio marito, a guardare quella lapide che mi dà sui nervi. […]Leggi di più