Libri a Colacione 5 novembre 2016

Tornano i consigli da leggere di Tutto Esaurito su Radio 105! Questa settimana: Sully di Chesley B. “Sully” Sullenberger con Jeffrey Zaslow, Sei sempre stato qui di Eugenio Gardella e Wilderness di Lance Wellerp.

Clicca PLAY e ascolta la puntata!

sully-harper-collins-traduzione-di-francesco-mezzanotte

Clicca per leggere il libro

►VOLTAPAGINA
Sully, Chesley B. “Sully” Sullenberger con Jeffrey Zaslow, traduzione di Francesco Mezzanotte, Harper Collins, p. 384 (18 euro) ebook 8,99 euro
Quando nasce un sogno? Per Sally è bastato sollevare le testa e godersi un caccia sfrecciare nel cielo. E da questo incontro magico, a soli 5 anni, ce ne vorranno più di dieci perché possa tenere le mani sui comandi. Da qui le ore di volo non si contano, la passione è sempre più grande. Ed ecco la licenza, i primi passeggeri… fino alla carriera tra le nuvole.

“Un pilota può avere al suo attivo migliaia di decolli e di atterraggi senza storia. Alcuni, però, restano indelebili nella memoria.” E di sicuro è così per quelli del volo 1549.

“Il mio viaggio finito sul fiume Hudson non è cominciato all’aeroporto LaGuardia. È cominciato qualche decennio prima, nella casa della mia infanzia, sul campo del signor Cook, nei cieli del Texas, nella casa in California dove vivo con mia moglie Lorrie e le nostre due figlie, e su tutti i jet che ho pilotato inseguendo l’orizzonte. Il volo 1549 non è stato un viaggio di cinque minuti. C’era tutta la mia vita su quell’aereo, ed è per questo che siamo arrivati sani e salvi sull’Hudson.”

Sì, perché Sully altri non è che il comandante dell’Airbus A320 che il 15 gennaio 2009 ha salvato la vita a 155 persone tra passeggeri ed equipaggio decidendo per un ammaraggio d’emergenza sull’Hudson. E questa è la sua storia.

gardella_sei-sempre-stato-qui_rugenio-gardella_frassinelli

Clicca per leggere il libro

► DA GUSTARE
Sei sempre stato qui, Eugenio Gardella, Frassinelli, p. 254 (18 euro) ebook 9,99 euro
Il protagonista di questa storia è un atleta alle prese con qualcosa più di un acciacco, qualcosa che gli impedisce di arrampicare come vorrebbe. “I nostri corpi non ci appartengono, né più né meno di un miracolo avuto in prestito” dice.

È in questo dolore di ossa e muscoli che si insinua una speranza, la possibilità di costruire una famiglia, di avere un figlio con Roberta. Lui che la famiglia non l’ha certo considerata un porto sicuro visto che i suoi erano divorziati e con il padre non ha mai avuto un dialogo.

Solo che questo figlio proprio non arriva. E mentre Roberta finge di non pensare a questa attesa infinita, lui nega la propria malattia e i sintomi che comporta. E il figlio non arriva. Scoprono così che “il mondo offre infinite opportunità per esplorare l’incertezza”. Ed ecco una moltitudine di analisi ed ecografie… ma il verdetto sarà che non sussistono motivi fisiologici che impediscono loro di procreare. Ma un figlio non arriva.

Ci sono però tanti e tanti bambini già nati che aspettano di rinascere con una nuova famiglia capace di accoglierli e volergli bene. E questa è la storia, speciale, di una di quelle famiglie. Nata due volte.

wilderness-lance-wellerp-traduzione-di-gabriella-tonoli-keller

Clicca per leggere il libro

► BELLISSIMI
Wilderness, Lance Wellerp traduzione di Gabriella Tonoli, Keller, 352 (17,50 euro)
Abel Truman vive nello Stato di Washington, solo, in una baracca sulla spiaggia. È una terra di confine e di confino e li è approdato dopo essere sopravvissuto al massacro del Wilderness, in cui sono morti quasi 30mila soldati, uno degli scontri più cruenti della Guerra civile americana.

Abel in realtà è sopravvissuto a molto peggio: alla sua vecchia vita e ai ricordi di una famiglia, di una casa e di una figlia. E se la memoria è una ferita che non si rimargina, l’unica cosa che ti auguri per non soffrire più è la morte. Ma Abel non riesce né a guarire né a morire. E allora tocca fare i conti con il passato. E per farlo Abel si mette in viaggio con la sola creatura che gli rimane al mondo, quella che ama più al mondo, il suo cane e dirige verso la costa Est per tornare a quella che una volta era la sua casa.

A ogni passo Abel ricompone il cammino della propria vita di uomo, marito, padre, soldato… e mentre rivivrete con lui la sua storia, camminerete con lui tra montagne e foreste incontaminate, ve la dovrete cavare in posti ostili, luoghi in cui la natura non è solo meraviglia ma è anche crudeltà e si incontrano persone pronte a tutto. E sarà una avventura davvero indimenticabile.

#CITACIONE
“Si può scoprire di più su una persona in un’ora di gioco che in un anno di conversazione” Platone.

Hai un libro da consigliarmi? Scrivimi! E raccontami perché è speciale e se pensi che sia un Voltapagina, un Libro da Gustare o un Bellissimo. 

Nessun commento ancora

Lascia un commento