SummerBook 16 luglio 2016

Per chi è in viaggio ma pure per chi è in città tornano i consigli da leggere in versione estiva di Tutto Esaurito su Radio 105! Questa settimana: Free di Stephen Witt, Dobbiamo trovarla di Lisa Gardner, Le case che siamo di Luca Molinari, e La spada e la seta di Mark Salzman.

Clicca PLAY e ascolta la puntata!

► IN VIAGGIO – Storie nel bagaglio a manoFree, Stephen Witt, traduzione di Vincenzo Latronico
Free, Stephen Witt, traduzione di Vincenzo Latronico, Einaudi, p. 329 (19 euro) ebook 6,99
Accumulare. Centinaia e centinaia di tracce. Migliaia di album. Accumulare più per possedere che per utilizzare perché, spesso, tutta questa musica manco la ascoltavamo.

Anche questa era pirateria. A raccontarcelo uno che “nel 2005, quando mi sono trasferito a New York avevo raccolto 1500 Gb di musica, quasi 15000 album”. Un giorno però Witt si fa una domanda piuttosto semplice. “Da dove veniva tutta quella musica?”. Scopre presto che immaginare la pirateria come un fenomeno collettivo, credere che gli mp3 vengano semplicemente messi in rete dagli utenti di tutto il mondo è una falsificazione della realtà. Esiste, insomma, una organizzazione strutturata dietro alle tracce piratate.

Inizia così una lunga indagine per rintracciare l’origine di molti file che lo porterà dalla Germania a New York, Londra, Oslo, Tokyo… fino a una piccola cittadina del North Carolina, Shelby. Abita qui Dell, il più “intrepido dei pirati digitali”. E rilascerà una incredibile intervista. “Ma, Dell, com’è possibile che tu non abbia mai parlato di tutto questo con nessuno?” “Be’, nessuno me lo ha mai chiesto”.

Dobbiamo trovarla, Lisa Gardner, traduzione di Barbara Bertoni,► AL CALDO – Letture sotto l’ombrellone
Dobbiamo trovarla, Lisa Gardner, traduzione di Barbara Bertoni, Marcos y Marcos, p. 332 (14,90 euro)
472 giorni. Quasi un anno e mezzo. Giorni lunghi, lunghissimi se si è lontani da casa. Infiniti e impossibili, se si è state rapite. Se si è dentro una cassa di legno. Per giorni e giorni stesa su dei giornali in attesa che il coperchio venga aperto e lui, disgustoso e repellente, faccia di te quello che vuole. E tu a cosa pensi? Alla vendetta. Solo alla vendetta.

Essere liberate, quindi, non è una vera liberazione perché una tragedia come questa ti tiene prigioniera per sempre della paura e del timore che questo orrore possa capitare ad altre. Questo succede a Florence Dane nata e cresciuta in una bella fattoria del Maine. Quando torna non è più la stessa e non lo è neppure per le persone che le vogliono bene e non può, davvero no, riprendere la sua vecchia vita.

E con questo dovrà vedersela D. D. Warren che di mestiere fa la poliziotta e stavolta è alle prese con una serie di ragazze scomparse e non ha certo bisogno di una vittima-vendicatrice. Voi sì! E qualche brivido di paura di rinfrescherà di sicuro…

► IN QUOTA – Al fresco si riflette meglioLe case che siamo, Luca Molinari, Nottetempo
Le case che siamo, Luca Molinari, Nottetempo, p. 94 (10 euro)
Siamo la casa che abitiamo. Non un semplice contenitore di cose necessarie o importanti, ma una struttura che ci definisce. “La casa è il luogo in cui la nostra dimensione pubblica è stata spesso rielaborata e filtrata” ma lo spazio tra pubblico e privato, oggi, sembra contrarsi e se cambia la casa cambia pure il mondo che abitiamo e se vogliamo capire meglio il secondo dobbiamo conoscere a fondo la prima.

Che cosa significa quindi “casa”? Ce lo racconta l’autore partendo dalla favola più architettonica che ci sia: I tre porcellini e facendo un viaggio nel tempo e nello spazio, e negli spazi abitativi: case solide, che svettano e dominano, case sacre, case trasparenti e troverete persino una moka gigante!

Molinari si immagina pure la reazione di chi, nel futuro, dovesse inciampare in qualche La spada e la seta, Mark Salzman, traduzione di Michele Riva, Neri Pozzacostruzione odierna, i reperti del nostro quotidiano cosa racconterebbero agli archeologi del futuro? E voi che casa siete? Scopritelo!

► A CASA – Non puoi partire? Un libro last minute per viaggiare con la fantasia
La spada e la seta, Mark Salzman, traduzione di Michele Riva, Neri Pozza, p. 215 (14,50 euro)
Stavolta vi porto proprio in Cina! Nella Cina degli anni 80 con Mark Salzman che è un grande appassionato di arti marziali. E grazie a questa passione e a un maestro speciale – e pure al fatto che anche se è occidentale parla benissimo il cinese – potrà scoprire una Cina davvero sorprendente. Si dice spesso che questo è un Paese in bilico tra tradizione e modernità. Di sicuro capirete meglio il perché. E buon viaggio!

Nessun commento ancora

Lascia un commento