The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore

 The Fantastic Flying Books of Mr. Morris Lessmore

Un cortometraggio animato di William Joyce e Brandon Oldenburg realizzato dal Moonbot Studios, vincitore del Premio Oscar, nel 2012, come miglior cortometraggio d’animazione.

Un pizzico di uragano Katrina e una spolverata di Mago di Oz… ecco gli ingredienti per raccontare del potere terapeutico dei libri. Terapeutico, sì. Perché leggendo si riceve sempre qualcosa in cambio.

La storia comincia a New Orleans: Mr. Morris Lessmore è uno scrittore (la somiglianza con Buster Keaton, l’attore del cinema muto, è evidente) e sta lavorando al proprio romanzo sulla terrazza di un hotel, quando arriva la tempesta. L’uragano spazza via qualunque cosa e trasporta scrittore e romanzo in una terra fantastica, dove storie e parole fluttuano nell’aria.

Annuncio digiqole

Articoli correlati

7 Commenti

  • Fantastico!

  • Dura 15 minuti. E non è che puoi trascinare il cursore alla fine per vedere cosa succede. Per cui è un investimento di tempo non da poco, anche per chi non avesse nulla da fare.
    Ho letto il prospetto informativo di Chiara Beretta Mazzotta e ho aderito.
    Il capitale non è più tornato, perché quel quarto d’ora non si recupera. Ma l’interesse promesso c’è tutto. Un interesse composto, direi, di emozioni e pensieri. Le emozioni filtrano da sole, soltanto a lasciarle entrare. I pensieri si sviluppano, specialmente verso la fine, cercando di fornire un’interpretazione a quello che si vede. Per cui, guardatelo..

    • Ecco una critica che lascia con il fiato sospeso fino alla fine. Sei un commentatore thriller, Aldo!

  • Nell’insieme è molto bello, alcune delle parti lo sono ancor di più.

  • Reblogged this on il dilettevole dilettarsi del dilettante and commented:
    Un bellissimo libro che parla del legame tra i libri e coloro che li leggono, tra i libri ed i loro autori. Prendetevi un quarto d’ora di tempo e guardatelo … ne vale la pena.

  • Che ci sono cose belle nel mondo val bene ricordarlo!

  • Reblogged this on carmillaweirdlove and commented:
    Se uno non piange come un vitello alla fine del cortometraggio…..significa che ha un cuore di pietra. Bellissimo, Gente.
    Forse l’Oscar più meritato di quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *