BlisterNews 27 novembre

È la prima volta in sedici anni: il Guardian first book award va a un poeta / Giulia Ichino lascia la Mondadori / Su Amazon Black Friday anche per libri, ebook ed e-reader / Gli audiolibri finalmente cominciano a piacere anche da noi…

Clicca Spreaker e ascolta il notiziario di oggi.

Spreaker BlisterNews

► NEWS
Milano. Stando alle rivelazioni di Libraio.it anche Giulia Ichino editor responsabile della narrativa italiana in Mondadori starebbe lasciando la casa editrice di Segrate, con la quale collabora dal 2000 e dove è assunta dal 2002, per andare in Giunti e seguire così Antonio Franchini con cui ha per anni ha lavorato proprio in Mondadori (Franchini era il direttore editoriale della narrativa).

Trieste. Ci lavorava dal 2013 l’editore romano Gaffi all’acquisizione di una storica casa editrice triestina, la Italo Svevo, fondata nel 1967 da Sergio Zorzon. Quest’anno ha registrato il marchio (che nonostante i cinquant’anni di attività non era mai stato registrato), Trittico di Hans Tuzzi e Piccolo dizionario delle malattie letterarie sono i primi titoli in uscita.

Regno Unito. Si chiama Guardian first book award è un premio letterario istituito nel 1999 dal quotidiano The Guardian. L’obiettivo? Selezionare e premiare l’opera prima più promettente dell’anno. Quest’anno, con grande sorpresa, il premio è andato a un testo poetico Physical di Andrew McMillan, un giovane poeta di 26 anni che si è aggiudicato le 10.000 sterline di premio. Si tratta di una svolta considerevole visto che negli ultimi 16 anni hanno sempre vinto opere di narrativa.

Siamo molto lontani dalla Germania dove il mercato degli audiolibri ha un fatturato di 150milioni di euro e dagli Stati Uniti dove rappresentano il 7 per cento del mercato ma qualcosa sta cambiando anche da noi. Ed ecco che, con le vendite dei libri in calo del 4,3 per cento, la maggiore casa editrice italiana di audiolibri, la Emons, registra un più 20 per cento. I lettori forti paiono convinti, tocca incuriosire gli altri in special modo i non lettori.

► AGENDA
È una tradizione americana il Black Friday, cioè? Negli Stati Uniti, il giorno successivo al Giorno del Ringraziamento nei negozi si effettuano sconti altissimi, addirittura del 70 per cento. Potete beneficarne anche voi lettori, oggi, su Amazon infatti libri, ebook ed e-reader a prezzi scontati.

► LA PUNTURA
“Capire la differenza tra un libro e un detersivo non è cosa poi così complicata, perfino io ci sono arrivata…” lo ha detto Marina Berlusconi a proposito delle ragioni del distacco di Elisabetta Sgarbi che ha lasciato la Bompiani. E conclude: “Essere considerata incompatibile con chi mostra una tale arroganza e un tale disprezzo verso le opinioni e le posizioni altrui non mi dispiace affatto”.

 ► IN LIBRERIA
Quanti libri sono usciti? Da ieri a oggi sono ben 341!

► PER APPROFONDIRE LE NOTIZIE

2 Risposta

  1. Barbara

    Uhm…giorni a zero nuove uscite e giorni con 341 nuovi libri!
    Ma visto che mi hanno detto che email e posts è bene inviarli dal lunedì dopo le 12 al mercoledì sera, altrimenti il rischio di essere cestinati è del 70%
    …non è che c’è un giorno preferito anche per l’uscita di un libro??! 😀

    • Di solito, in effetti, il venerdì è giorno di uscite (siamo sempre sulle 300) poi si scende a zero per qualche giorno. Poi di galleggia sulle 30/70 uscite e poi di nuovo su. Ma ci tengo a dare i numeri. Così uno capisce che “si pubblicano troppi libri” non è una leggenda metropolitana 😉

Lascia un commento