Magnetique: il primo fumetto al mondo in realtà aumentata

Esplorare la scena, liberamente, essere quindi dei fruitori attivi ma, allo stesso tempo, entrare a far parte della narrazione. Possibile? Sì, ed è solo l’inizio.

Nero è un giovane burattinaio e, quando aveva solo 6 anni, ha visto il proprio Paese devastato dalla guerra civile. Quando lo incontriamo è verso la costa di Ciano (città immaginaria) per potersi finalmente vendicare.

Ce lo racconta Magnetique fumetto italiano che conquista senza alcun dubbio un primato: si tratta del primo fumetto al mondo generato in VR cioè con la realtà virtuale.

L’idea è di Fabio Corrirossi, sviluppatore, il progetto è stato realizzato in partnership con Oniride, una start up che dal 2014 si occupa appunto di realtà aumentata, ed è stato illustrato da Emilio Pilliu.

Magnetique, dopo un parziale lancio al Lucca Comics, è stato ufficialmente presentato pochi giorni fa durante la ventesima edizione del Romix, la fiera del fumetto di Roma.

Come si “legge”?  Basta alloggiare il proprio smartphone nel Gear VR (il visore di realtà virtuale prodotto da Samsung) e indossarlo. Potrete così sperimentare una esperienza unica: esplorare Magnetique a 360 gradi, muovendovi liberamente nella scena e tra i balloon dei dialoghi (c’è anche il narratore audio).

Non si tratta di snaturare una narrazione ma di pensare a un fumetto, non per la carta ma direttamente per il sistema digitale. Il risultato? È una fruizione potenziata. Il lettore “comanda” e governa la narrazione ma al contempo ne fa parte.

Si tratta quindi di una delle prime vere esperienze di libri digitale perché se ci pensate l’ebook è soltanto un libro di carta riversata su un foglio elettronico. A parte il cinema e i videogiochi, presto anche gli editori dovranno fare i conti con questa rivoluzione.

 

Nessun commento ancora

Lascia un commento