Il mercato del libro in Europa

 Il mercato del libro in Europa

Un anno difficile per il mercato del libro in Europa che si è dimostrato però più resiliente del previsto, ma l’incertezza domina questo inizio 2021.

La Federazione degli editori europei (FEP) ha pubblicato un nuovo rapporto sulle conseguenze della crisi del Covid-19 per il mercato del libro in Europa. Il rapporto regala una panoramica della situazione a un anno dall’inizio della pandemia.

I dati della FEP sono una sintesi delle tendenze nazionali che sono state condivise dai suoi 29 membri: associazioni nazionali di editori di libri, riviste scientifiche e contenuti educativi, in tutti i formati.

Difficile ma non disastroso

“Difficile”, se volessimo riassumere il 2020 con una parola sarebbe questa. Ma i guai sono stati meno temibili del previsto. Si ipotizzava infatti una perdita tra il 15% e il 25%  e invece i dati paiono suggerire un calo tra il 2% e il 5%. Non una buona notizia ma neppure uno sfacelo.

Ma è necessario valutare caso per caso, perché i dati del mercato e della crisi variano sensibilmente in relazione alla gravità della diffusione del virus, alla lunghezza del lockdown e al numero delle attività chiuse, in base all’efficienza della rete e al grado di informatizzazione del Paese. Senza dimenticare le misure anticrisi messe in atto dai Governi (in alcuni casi decisive).

Dopo le chiusure e i preoccupanti segni meno, le cose sono migliorate perché le persone, non appena sono state riaperte le librerie, sono tornate a comprare libri. E così si è recuperato terreno. In Austria, ad esempio, la perdita cumulata alla fine di agosto era del 7%. In Italia il 9%, in Francia il 10%, in Spagna e  in Germania il 6%. Le cose sono ulteriormente migliorate in estate e hanno continuato a farlo in autunno.

L’incertezza, però, resta la parola chiave anche per l’inizio del 2021, secondo anno di crisi del COVID-19. Ciò nonostante, il settore librario ha rivelato una resilienza maggiore rispetto alla situazione che si prospettava solo sei mesi fa. A luglio è stato infatti pubblicato un primo rapporto (si trova nel link a fine articolo).

Le parole del presidente e del vicepresidente della FEP

Peter Kraus vom Cleff, Il presidente della FEP, ha dichiarato: «Il lato positivo è che i cittadini europei hanno letto più libri durante questi ultimi mesi e spero che questo durerà nel tempo. Meno ottimistica è la situazione di molti editori europei che sono stati colpiti da mesi di lockdown e la cancellazione di fiere del libro e festival letterari. Se posso rallegrarmi del fatto che diversi Paesi se la sono cavata meglio del previsto, devo riconoscere che questa è la combinazione di un mercato dinamico e del sostegno dello Stato attraverso sgravi finanziari e supporti diretti. Invito tutti i governi d’Europa a fare in modo che un settore editoriale culturalmente diversificato superi insieme la crisi. Essi possono essere strumentali nel fornire finanziamenti dove necessario e promuovendo le politiche più adatte, compreso il dichiarare i libri “prodotti” essenziali».

Il vicepresidente della FEP, Ricardo Franco Levi, ha aggiunto: «Leggendo questo rapporto, non posso che congratularmi con le autorità italiane per aver prestato tanta attenzione ai libri in questo periodo terribile. Con il sostegno che hanno dato a tutta la catena, ci hanno permesso di superare quest’ultimo anno. Consentendo a un maggior numero di libri di raggiungere i cittadini italiani. Sono felice che siamo stati in grado di ispirare i nostri colleghi e i loro Governi in questo senso. Mi unisco al collega Peter per lanciare un appello a tutti i Paesi europei affinché prestino la massima attenzione nei prossimi mesi, facendo in modo che nessuno rimanga indietro».

Il rapporto completo può essere scaricato sul sito della FEP (qui il link).

Annuncio digiqole

Articoli correlati