Tags : poesie

DiVersi

Anne Stevenson – Le vie delle parole

Anne Stevenson per “DiVersi, solo le cose inutili sono poetiche” di Elisabetta Bucciarelli che oggi si domanda come si possa rendere la propria vita poesia. Fare poesia “Devi abitare la poesia se devi fare poesia”. E cosa significa “abitare”? Significa portarla come un abito, indossare le parole, sedendo nella luce più netta, nella seta del […]Leggi di più

DiVersi

Silvia Salvagnini – Il seme dell’abbraccio

Silvia Salvagnini per “DiVersi, solo le cose inutili sono poetiche” di Elisabetta Bucciarelli che ci suggerisce di prestare attenzione al prima (a tutti i prima).  questo libro lo finisco quando ho sputato il rospo quando sto bene al sole quando ho spaccato questa noia mangiato un girasole eliminato il superfluo la nozione di imperatore e […]Leggi di più

DiVersi

Pierluigi Cappello – Stato di quiete

Pierluigi Cappello per “DiVersi, solo le cose inutili sono poetiche” di Elisabetta Bucciarelli che oggi ci propone un esercizio, c’entra la quiete e lo sguardo, e il silenzio. Campo visivo Mi piace l’espressione “campo visivo”, con tutte le cose che ci puoi mettere dentro, questa luce diversa che dà sul freddo, l’ombra sulla soglia là, […]Leggi di più

DiVersi

Sylvia Plath – Opere

Sylvia Plath per “DiVersi, solo le cose inutili sono poetiche” di Elisabetta Bucciarelli che ci parla di ricordo, di speranza, di memoria e di attesa. (…) Avvengono miracoli, Se siamo disposti a chiamare miracoli Quegli spasmodici trucchi di radianza. L’attesa è ricominciata, La lunga attesa dell’angelo, Di quella sua rara, rarefatta discesa. È un frammento […]Leggi di più

DiVersi

Giovanna Cristina Vivinetto – Dolore Minimo

Giovanna Cristina Vivinetto per “DiVersi, solo le cose inutili sono poetiche” di Elisabetta Bucciarelli che oggi ci ricorda che siamo (anche) il nome che portiamo. La verità è che i nomi ci scelgono prima ancora di pronunciarli. Sulle pareti, a ridosso delle strade, nei vasi di garofani e ortensie, sulle strisce d’acqua che rigano le […]Leggi di più

DiVersi

Ben Lerner – Le figure di Lichtenberg

Ben Lerner per “DiVersi, solo le cose inutili sono poetiche” di Elisabetta Bucciarelli che, stavolta, usa la poesia come una bussola (per orientarci, anche in politica). Vi invito a pensare in modo creativo alla politica nell’era dell’istamina. Vi invito a pensare in modo creativo alla politica dati gli uomini quali essi sono: asmatici, stonati e […]Leggi di più

DiVersi

Valerio Magrelli – Il sangue amaro

Valerio Magrelli per “DiVersi, solo le cose inutili sono poetiche” di Elisabetta Bucciarelli che ce lo ricorda: i buoni non esistono se accettano di stare dalla parte dei cattivi. La fame Facevano rumore, quei vicini, per darvi l’impressione di mangiare, di avere qualche cosa da mangiare. E maneggiavano piatti, scodelle, e urtavano bicchieri, spostavano posate, […]Leggi di più

DiVersi

Erri De Luca – L’ospite incallito

Erri De Luca per “DiVersi, solo le cose inutili sono poetiche” di Elisabetta Bucciarelli che oggi invoca il nostro senso di responsabilità, c’entrano gli alberi e pure gli scrittori… Un bosco L’amante incide l’albero con le iniziali, traccia col ferro un cuore. Ma il libro che scrivo sul quaderno è cellulosa uccisa da una motosega, […]Leggi di più

DiVersi

Franco Marcoaldi – La trappola

Franco Marcoaldi per “DiVersi, solo le cose inutili sono poetiche” di Elisabetta Bucciarelli che oggi ci ricorda che il motto non è “parlo quindi sono” quindi, no, non è necessario avere sempre qualcosa da dire. Stanotte ho sognato un’unica immagine, una nitida foto. Avevo la bocca ripiena di aghi e di spilli, di chiodi e […]Leggi di più