Mollicuzze di pane inchiostrato

Il puntinismo. No, non è una strana malattia esantematica. Neppure una corrente pittorica.
È il lato oscuro della forza che spinge un esordiente (e non solo, ahimè) a conficcare nel proprio testo una marea di pallini a gruppi di tre, ma pure di quattro, cinque fino a crivellare il foglio senza pietà.
Sto parlando dei temibili puntini di sospensione. Solo che tutta questa sospensione, non fa bene. Perché il testo in pratica galleggia e il lettore, poveretto, fatica a rintracciare delle parole tra questi blocchi di angosciante attesa.
La punteggiatura, intermedia e non, se usata a dovere, ci permette di ottenere gli effetti più disparati. Ed ecco che una virgola dà respiro al periodo, sposta l’attenzione su una parola, chiama in causa un personaggio.
I puntini, però, non sono virgole. Sono più simili ai punti esclamativi e se ne mettete troppi, invece di aumentare, il loro effetto si smorza.
I tre punti di sospensione sono un segno di pausa e servono per far capire che un discorso si interrompe ma non si conclude (per esempio quando si ha la troncatura di una frase o il personaggio ha un’esitazione) e quindi hanno il potere di creare un’attesa. Vengono anche usati al posto di “eccetera” e sono un’arma per tutti gli amanti delle elencazioni, quelli per cui  “l’essere concisi” è una minaccia alla loro libertà di espressione.
Nota pratica: i puntini seguono senza spazio la parola e precedono, sempre senza spazio, la parola: quindi sarà… e non sarà … Idem per la parola che …precedono.
Ritornando alla nostra pausa, il parlato è vero è pieno di sospensioni, ma non è detto che per imitarlo si debbano infilare puntini da tutte le parti! Scrivere non significa prendere la realtà e ficcarla a forza nel foglio, richiede un passaggio intermedio, un’elaborazione, che permetta alla scrittura non di essere il reale ma di rappresentarlo in modo credibile. Talmente credibile che il lettore leggendo vede persone, cose e mondi, e non semplici sequenze di lettere.
I puntini fanno apparire il narratore goffo. È come se sussurrasse di continuo all’orecchio del lettore: “Hai capito il senso? Ehi, dico a te, c’è una sospensione qui! Lo vedi il personaggio come si angustia, come parla frammentato? Evvai con l’effetto, ta da da da dam! La senti l’attesa eh, lo senti il pathos?!”
I puntini non regalano realismo ai vostri dialoghi, i dialoghi li affondano. E per il pathos… ma quale pathos?! Perché il puntinismo mi ricorda un po’ quei B movie in cui non succede granché, eppure la colonna sonora sembra ideale per rappresentare l’Apocalisse. L’effetto è, ahimè, un bel comico involontario.
Perciò, levateli. Tutti. Spazzateli dalla faccia del foglio. Sbianchettateli, mimetizzateli da punti e basta.
Se volete scrivere vi tocca lavorare con le parole, con la costruzione della frase e non solo con ’ste benedette mollicuzze di pane inchiostrato.

8 Commenti

  • Barbara Reply

    23 febbraio 2012 at 20:28

    Io li uso solo su Twitter, non so come mai 🙂 Che è pure uno spreco di caratteri poi 🙂

  • Martina Reply

    23 febbraio 2012 at 23:00

    Io li uso molto su FB… Come adesso! Ma quando scrivo racconti mai

  • Chiara Beretta Mazzotta Reply

    24 febbraio 2012 at 0:50

    Martina, credo sia naturale. Nei social network si ricrea, virtualmente, lo scambio verbale che per sua natura è frammentato, ricco di pause. lo stesso capita negli sms, per esempio. Io mi riferisco alla narrativa, ecco lì ogni scelta va ragionata a mio avviso. E i puntini sono davvero molto naif 😉

  • Daniele Reply

    24 febbraio 2012 at 10:33

    Io sapevo che lo spazio ci va dopo i tre puntini. Tu stessa l’hai messo qui:

    E per il pathos… ma quale pathos?!

    🙂

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      24 febbraio 2012 at 16:09

      Sì, appunto, intendevo dire che seguono la parola senza spazio tra loro e la parola. Non così … Insomma!

  • mauro Reply

    24 febbraio 2012 at 15:27

    … … … …

  • il puntualizzatore Reply

    25 febbraio 2012 at 19:11

    Eh no! Ho scritto punto per esteso e non sono un pesciolino che vuol essere preso al naso dalle Mollicuzze niente dire, insomma.

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password