Tutto Esaurito: Consigli da leggere # 11

VOLTAPAGINA
Danzando sui vetri rotti, Ka Hancock, traduzione di Marina Timperi, Leggereditore, p. 448 (14,00 euro)
Lucy Houston e Mickey Chandler. Si incontrano. Si amano. Si sposano. Solo che lui è malato nell’anima (soffre di un disturbo bipolare) e lei nel corpo (ha una lunga e penosa storia di cancro in famiglia). Non è che i due decidano di stare insieme, loro sono insieme, e la loro vita è fiducia, dedizione è una danza anche se, qualche volta, è un po’ come ballare su cocci aguzzi. Si fanno una promessa: non avere figli (per non lasciarli presto orfani di madre e nelle mani di una persona con disturbi psichici). Solo che la vita, si sa, ha una diabolica fantasia. Preparate scorte di fazzoletti per un esordio che tocca l’anima. Per chi sa che l’amore è imperfetto, non perché sia sbagliato, ma perché è vero.

DA GUSTARE
Mandorle amare, Laurance Caossé, traduzione di Alberto Bracci Testasecca, Edizioni E/O p. 167 (17,00 euro)
Leggere l’ora sul vostro orologio, comporre un numero di telefono, orientarvi nella metropolitana, dare un occhio alla posta… tutte cose normali per chi sa leggere e scrivere. Muri invalicabili per un analfabeta. Questa è la realtà con cui dovrà fare i conti Édith quando scoprirà che Fadila, la signora marocchina di sessanta anni che le rigoverna la casa, non sa né leggere né scrivere. Inammissibile per lei, non solo perché siamo in Francia ai giorni nostri, ma anche perché Édith con le parole ci vive – fa la traduttrice. Così decide di insegnare a questa donna a leggere e scrivere. Un’impresa e non solo per l’età ma perché Fadila ha ormai uno sguardo sul mondo ben preciso. E i risultati se da un lato saranno pochi, dall’altro saranno a dir poco sorprendenti. Una fotografia dei “tempi moderni” scritta con maestria e tradotta ad arte (e le complessità non erano poche!). Per chi sa che “insegnante” e “allievo” hanno sempre in comune una cosa: sono entrambi persone che imparano.

BELLISSIMI
Mabel dice sìLuca Ricci, Einaudi, p. 137 (12,50 euro) anche in ebook
Due personaggi. Una receptionist irresistibile capace di sedurre ciascun uomo e di essere detestata da ogni donna. Un musicista – con un ego sovradimensionato – che sogna un futuro da pianista (di successo, ovvio) ma per sopravvivere – che non è cosa da poco – accetta un lavoro come portiere di notte in un albergo. “Fare le notti non era poi così male. In quel primo periodo assolveva diversi bisogni: darmi di che vivere e ammantarmi di una giusta dose di maledettismo (finalmente la mia vita aveva trovato una causa – una scusa? – per essere del tutto scombinata)”. Sedotto dall’amore che sprigiona Mabel e inghiottito dal gorgo della routine di clienti e colleghi a un certo punto sarà costretto a una scelta: varcare la sottile linea che separa la giovinezza dalla maturità e diventare grande o rimanere attaccato ai propri sogni di gloria. Ode a Ricci che, se deve usare una parola, ne usa mezza ed è sempre la metà giusta. Per chi si interroga su cosa farà da grande.

Puntata 09-10-12

15 Commenti

  • [Gufo Appollaiato] Danzando sui vetri Rotti Reply

    9 ottobre 2012 at 9:33

    […] Qui, Quo, Qua Share and […]

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      9 ottobre 2012 at 9:58

      Grazie per essere passato da qui 😉

      • Anonimo Reply

        9 ottobre 2012 at 11:39

        Sei bravissima e invogli davvero le persone a leggere libri!

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      9 ottobre 2012 at 19:34

      Son fortunata perché c’è un mare di libri che ti invoglia a leggere 😉

  • Tale's Teller Reply

    9 ottobre 2012 at 12:42

    Salto il primo a piè pari, non è il mio genere. Il secondo mi sembra intrigante ed il terzo mi scivolerebbe addosso se non fosse per quella nota finale: “Ode a Ricci che, se deve usare una parola, ne usa mezza ed è sempre la metà giusta. Per chi si interroga su cosa farà da grande.” che non lascia certo indifferenti.

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      9 ottobre 2012 at 19:35

      Luca Ricci è bravo. Se riesci a trovare la raccolta “L’amore e altre forme d’odio” (titolo strepitoso) non fartela scappare. Davvero è meravigliosa!

      • Tale's Teller Reply

        9 ottobre 2012 at 21:05

        Domani proverò a scoprire se ce n’è una copia in biblioteca. Grazie del consiglio ^_^

  • carmillaweirdlove Reply

    9 ottobre 2012 at 18:53

    Reblogged this on carmillaweirdlove.

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      9 ottobre 2012 at 19:35

      Grazie 😉

      • carmillaweirdlove Reply

        9 ottobre 2012 at 20:35

        Ma prego….i tuoi consigli da leggere fanno sempre bene al cuore ^_^

  • Cristina Reply

    10 ottobre 2012 at 10:55

    mi perdo nelle tue recensioni che aspetto sempre con entusiasmo!!!!…cosa c’è di meglio che perdersi in un libro? Grazie Chiara!!!…la lista di titoli è lunga lunga lunga….e mi rende felice 🙂

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      11 ottobre 2012 at 11:24

      Ciao, Cristina!
      Grazie a te. E lo so, perdersi nelle storie è liberatorio, avventuroso, rigenerante e tanto, tanto tanto altro!
      Lista lunga? Come ti capisco (dieci vite, avrei bisogno di almeno dieci vite).
      Alla prossima!

  • Silviachedanzasuivetrirotti Reply

    16 novembre 2012 at 14:22

    Ecco! Con la puntata del 9 ottobre ti ho conosciuta… E da allora ti seguo con entusiasmo. Finalmente consigli “disinteressati” e fatti con passione. Grazie!

  • Lumachina Reply

    5 luglio 2013 at 9:18

    Ho letto ancora qlche mese fa (forse a Genn 2013) il primo libro proposto “Danzando sui vetri rotti” dato che peraltro ho una cara amica che soffre della stessa patologia del protagonista maschile di qs storia…che dire, il libro è meraviglioso e tremendo allo stesso tempo: mi ha riempito il cuore sia di gioia che di un dolore profondo. Ho pianto come una fontana e per mesi non sono riuscita a leggere null’altro che reggesse il paragone. Bellissimo, grazie per averlo consigliato altrimneit mi sarei persa qs perla.

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password