Tutto Esaurito: Consigli da leggere # 10

VOLTAPAGINA
Apocalypse Baby, Virginie Despentes, traduzione di Silvia Marzocchi, Einaudi, p. 311 (18,00 euro) anche in ebook
Valentine Galtan, è quello che si dice una sbandata. Quattordici anni, regolarmente espulsa da qualsiasi scuola, cocainomane. È la figlia di uno scrittore e di una splendida donna marocchina che l’ha abbandonata quando aveva appena due anni. Finché Valentine non svanisce nel nulla… Proprio sotto gli occhi di Lucie Toledo, detective che lavora per una agenzia investigativa e che, per incarico della nonna della ragazzina, la stava pedinando. Lucie si rende conto di non essere in grado di risolvere il caso e così chiede aiuto a una “collega”. Per ritrovare Valentine, infatti, scenderà in campo La Iena, un’altra investigatrice privata, personaggio leggendario e abbastanza violento… una sorta di Clint Eastwood al femminile! Un noir che racconta di fallimenti e di decisioni sbagliate. Per tutti quelli che sanno che il dovere dei grandi è imparare ad ascoltare.

DA GUSTARE
Quanti ne dobbiamo ammazzare?, Reynaldo Sietecase, traduzione di Anita Taroni, Dalai Editore p. 215 (16,00 euro)
Mariano Márquez è un avvocato, un mediatore. Ed è lui a chiedere: “Quanti ne dobbiamo ammazzare?” Davanti a lui ci sono due uomini: l’ingegner Bauer e José Got, un killer. Bauer è infatti un ricco industriale di Buenos Aires e ha perso un figlio, Alejandro, che è stato ucciso dopo un maldestro rapimento a scopo di estorsione. La banda, piuttosto scalcinata, era composta da tre uomini che stanno per uscire dal carcere. La storia ci viene raccontata anche da Saliente, giornalista in carriera che non sembra mai toccato da nulla, a parte che dall’ansia di trovare lo scoop capace di farlo svoltare. E poi c’è Patricio Ramos, uno della banda, che alla sola idea di uscire dal carcere se la fa sotto, perché sa che il proprio carcere sta là fuori e gli riserva ben altro. Ecco una storia di sentimenti contrapposti, odio, senza dubbio, ma anche amore. Amore per i figli, per la vita, per gli ideali. Un libro perfetto per tutti quelli che sanno che la memoria è una delle punizioni più terribili.

BELLISSIMI
Il professionistaWilfred Charles Heinz, traduzione di Roberto Serrai, Giunti, p. 367 (12 euro)
Sono passati ormai 34 anni da quando è stato scritto – l’autore, giornalista sportivo, è lo stesso autore M.A.S.H. da cui Altman trasse l’omonimo film – Il professionista è considerato il più bel romanzo sulla boxe di tutti i tempi. La boxe come metafora della vita senza scivolare negli stereotipi di questo sport, malavita compresa. Gli ingredienti sono un campione, un allenatore, un incontro decisivo. Il tutto raccontato dal punto di vista del giornalista sportivo, Frank Hughes, che narra al lettore il micidiale allenamento – paure e ansie comprese – del peso medio Eddie Brown che dopo anni di anonimato, finalmente, ha l’occasione della vita: tra un mese potrà combattere per il titolo mondiale della sua categoria. Frank ci rende partecipi anche del complicato rapporto tra l’atleta e il suo manager Doc Carroll anche lui decisamente agli sgoccioli in quanto a successo. Come si deve sentire il figlio di un muratore che mette sul piatto una vita di sacrifici e allenamenti e disperazione e se li gioca in un’unica sera al Madison Square Garden di New York? Per chi ama solo le parole necessarie. Un gancio al cuore!

Puntata 02-10-12

<

7 Commenti

  • tonino75 Reply

    2 ottobre 2012 at 11:19

    Una terna da non perdere, anche il primo, seppur particolare, mi intriga parecchio e il secondo e il terzo è come se fossero già nella mia libreria. Mi pare una scelta dal gusto forse più maschile rispetto ad altri consigli da leggere passati. Comunque complimenti perchè da aficionados di noir e gialli i primi due mi erano sfuggiti. Bravissima e continua così.

  • Luca Reply

    2 ottobre 2012 at 12:06

    Non ascolto i tuoi consigli per radio ma li recupero tramite Facebook e li apprezzo molto. Vorrei solo segnalarti, per quanto riguarda il terzo libro, che lo sport è la boxe, mentre nei box ci si parcheggia… 🙂

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      2 ottobre 2012 at 13:01

      Ahahahahhaahah adoro il mio correttore bozze (interno, mica quello di word, porello! Avevo deciso proprio per il box, che ci vuoi fare, il parcheggio a Milano è difficile da trovare).
      Grazie, Luca!

  • Tale's Teller Reply

    3 ottobre 2012 at 22:20

    Due su tre. E se non sbaglio uno dei due oggi l’ho visto in biblioteca … potrebbe essere l’occasione per inaugurare la mia tessera nuova.

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      4 ottobre 2012 at 18:15

      Viva le biblioteche e le tessere nuove di zecca 😉

      • Tale's Teller Reply

        4 ottobre 2012 at 20:27

        E soprattutto viva riuscire a fare in due ore quello che prima prendeva l’intero pomeriggio! Spero, con i prossimi tentativi di due ore, di raddoppiare la produttività *_*

      • Tale's Teller Reply

        4 ottobre 2012 at 20:27

        E soprattutto viva riuscire a fare in due ore quello che prima prendeva l’intero pomeriggio! Spero, con i prossimi tentativi di due ore, di raddoppiare la produttività *_*

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password