Sulla morte della domenica pomeriggio

 Sulla morte della domenica pomeriggio

Un brano, letto da Tony Servillo, tratto dall’audiolibro di Hanno tutti ragione di Paolo Sorrentino, Feltrinelli.

Se non amate la domenica, accomodatevi; io non la detesto ma un po’ la temo. È come sul pianerottolo, quando la vicina può spalancare la sua porta all’improvviso e inchiodarmi, per minuti interminabili, dentro una ragnatela di ciance.

La domenica è insidiosa, perché se ti distrai un attimo, arriva la malinconia. E la malinconia non si riposa. O forse, demoniaca, lo fa sei giorni a settimana e dà il suo meglio il settimo. E allora io no, non la piglio in contropiede, la imito e lavoro, così da poter atterrare su un lunedì più morbido (che, grazie al cielo, è dietro l’angolo). E buona notte.

Annuncio digiqole

Articoli correlati

8 Commenti

  • Da quando Leopardi ci ha fatto capire quanto il sabato sia meglio, siamo tutti un po’ malinconici la domenica, nel tardo pomeriggio poi si fanno i conti col weekend troppo breve, se è stato bello “nooo, già finito!”, se è stato brutto “no, l’ho sprecato!” Ma tra poco è lunedì, è c’è pure la cinquina di tramando, e a colazione i muffin di mia sorella.

    • I muffin di tua sorella? Io adoro la colazione! 😉

      • Considera che la nipotina ha dato una mano, come ha sottolineato più volte. E tu sai che con la nipotina c’ho un rapporto strambo. L’adorazione retroattiva. I muffin aiutano assai.

        • Be’, nipotina niente male che ti fa i dolcetti! Però tu sei tu, quindi ci sta 😉

    • 🙂 🙂

      • le faccine erano per sandra, ma sono finite qui in fondo…

        • Gliele recapitiamo domani mattina mentre mangia i muffin! 😉

        • Grazie Aldo, il muffin era buono ma non morbidissimo, comunque alla nipotina non glielo diciamo: ha pure messo una bandierina tipo festa di compleanno. Tenerezza.
          Con doppio caffè è andato giù alla grande. Un bacio a te e a Chiara. Basta, ora tocca proprio mettersi a lavorare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *