Libri a Colacione 23 maggio 2015

I consigli da leggere di Tutto Esaurito su Radio 105!  I miei piccoli dispiaceri di Miriam Toews, Ricette umorali (in principio era la pasta al tonno) di Isabella Pedicini e Tentativi di fuga di Miguel Àngel Hernàndez.

VOLTAPAGINAI miei piccoli dispiaceri, Miriam Toews
I miei piccoli dispiaceri, Miriam Toews, traduzione di Maurizia Balmelli, Marcos y Marcos, p. 361

Siamo in Canada. Le protagoniste sono due sorelle inseparabili: Elf e Yoli. Elf è la maggiore, vive a Winnipeg, è una pianista di successo, intelligente e talentuosa e fragile, e ancora molto bella nonostante non sia più giovanissima. Yoli, che è la voce narrante, vive a Toronto e di mestiere scrive romanzi per ragazzi ed è brava ma la carriera non è il primo tra i suoi pensieri. Anticonvenzionale ma, soprattutto, è una persona vera, passionale e piena di vita.

Stavolta per Yoli andare a trovare la sorella a Winnipeg, non è facile. Perché Elf è in ospedale: ha tentato il suicidio. Il problema è che non si tratta di un crollo, di drammatico momento di debolezza, Elf la vuole proprio fare finita. Ormai lo sanno tutti. E, infatti, ecco che la donna chiede a sua sorella qualcosa di impensabile: portarla in Svizzera e aiutarla a uccidersi.

Si parla di eutanasia, di amore, di disperazione e sì, ci si commuove ma sorprendentemente – cioè non molto, visto che si tratta della Toews – si ride. Una storia per chi sa che il dolore, a volte, è il modo diabolico in cui la vita ti ricorda quanto la voglia di stare al mondo (ed essere felici) sia preziosa.

DA GUSTAREIsabella pedicini ricette umorali
Ricette umorali (in principio era la pasta al tonno), Isabella Pedicini, Fazi, p. 188, ebook

No, non è la solita minestra e non sono le solite ricette. Alcune sono decisamente improbabili (tipo quella dell’Aulin o del dado) altre piuttosto curiose come “pane e acqua” (sì, se vi viene in mente la dieta, ci avete preso)!

Umorali perché? Perché, manco fosse una spezia, il mood di chi cucina influisce sul risultato del piatto si sa. Maionesi impazzite, cotolette bruciate, grumi come grandine… ma se volete cominciare per bene, cioè dall’inizio, sappiate che in principio era il tonno: “Gli anni universitari, soprattutto i primi, sono caratterizzati da uno spettro che si aggira per le tristi cucine dei fuorisede: la pasta al tono! Un incubo. La fase iniziale della gastronomia degli studenti all’estero è fortemente dominata dalla dittatura di questa elaborata pietanza: variante esotica dello spaghetto al sugo, illusione di una cera scioltezza ai fornelli, simbolo di tutto il disagio esistenziale”.

Per chi lo sa: ciascun ingrediente racconta una storia, una ricetta racconta una storia e la racconta pure chi la cucina. E buon appetito!

Tentativi di fuga, Miguel Àngel HernàndezBELLISSIMI
Tentativi di fuga, Miguel Àngel Hernàndez, traduzione di Elisa Tramontin, edizioni e/o, p. 230, ebook

Marcos è uno studente di Belle Arti e vorrebbe diventare un critico d’arte. Nel frattempo è l’assistente di un artista contemporaneo, un certo Jacobo Montes che con le sue opere vorrebbe far riflettere sugli orrori del capitalismo.

Quali opere? Un cane legato che muore di fame mentre a poca distanza spicca una scritta “fame” fatta con del cibo per cani. Immigrati che sostengono strutture pesantissime, altri immigrati ancora che vengono inscatolati… e poi c’è Helena la professoressa di Marcos che no, non è solo la professoressa e che appoggia Montes e il suo linguaggio aggressivo perché ha uno scopo nobile: mostrare il dolore umano.

Ma Marcos si chiede fin dove sia lecito spingerci, se etica e arte possano. “Se l’arte non doveva essere buona a ogni costo, non significava però che dovesse essere obbligatoriamente cattiva”. Ha ritmo questa storia e ve ne accorgerete ma non sentitevi sollevati per il fatto che si tratti di un libro. Nella realtà esiste un certo Santiago Serra che fa opere uguali a quelle di Montes. E Marcos, il nostro studente, assomiglia molto a Miguel, l’autore di questo romanzo. Per quelli che credono che l’arte trasformi il mondo, per quelli che si chiedono anche come lo trasformi e in che cosa.

DEDICA LIBRO

Elena da Lucca scrive: “Chiara, se penso a un libro io, subito, penso a La storia infinita di Michael Ende (traduzione di Amina Pandolfi, Tea)! Una magia, vera. E lo dedico alla mia bambina, Emma, sperando che la sua vita sia sempre piena di magia”.

<

15 Commenti

  • sandraellery Reply

    25 Maggio 2015 at 15:15

    Urca, il primo!

  • AUTENTIKA Scrittura Professionale di Barbara Zippo Reply

    25 Maggio 2015 at 15:21

    Bellissimo che nelle tue recensioni riporti il nome del traduttore. Molto nobile e non così praticato altrove.

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      25 Maggio 2015 at 16:07

      Ciao, Barbara! Guarda, semplicemente: se non ci fossero i traduttori, non ci sarebbe la mia libreria 😉

    • El cugino del parente di secondo grado... Reply

      25 Maggio 2015 at 16:32

      Se poi la divina CBM mi girasse anche un po’ di lavoro in linea con la ‘Scienza della Correzione di Bozze’, non mi limiterei a scrivere di lei “grazie di esistere”: andrei oltre, molto oltre… :O 😀

    • El cugino del parente di secondo grado... Reply

      25 Maggio 2015 at 16:33

      :-O

    • El cugino del parente di secondo grado... Reply

      25 Maggio 2015 at 16:33

      non va!… uff

      • Chiara Beretta Mazzotta Reply

        25 Maggio 2015 at 16:46

        Che succede?!
        (Sai che non ho mica capito la faccenda della scienza della correzione di bozze…)

        • El cugino del parente che a Torino vedrà non visto Chiara B anche quest'anno, perché ormai Lei lo ha preso di mira e se Lui si espone non potrà mai più giocarsela nei Tramandi che verranno... Reply

          25 Maggio 2015 at 17:00

          Non ti ho mai detto che sono un superbo correttore di bozze?

          • Chiara Beretta Mazzotta

            25 Maggio 2015 at 17:17

            Ah, no. Non mi hai detto parecchie cose, anche il tuo nome. #dettagli

          • El cugino del parente di secondo grado...

            25 Maggio 2015 at 17:20

            Il mio nome?… Quisquilia… Anche perché voglio un nome d’arte non scelto da me…
            Qualche suggerimento cara CBM? 🙂

          • El cugino del parente di secondo grado...

            25 Maggio 2015 at 17:24

            E pensa che bello: Es: Titolo del libro: Alvaro e la sua fiatella, Autore: Gennaro Latilla, Traduzione dal napoletano: Procolo Desanctis, Correzione di Bozze: Plinius… (eeeeh?!) 😀

  • El cugino del parente di secondo grado... Reply

    25 Maggio 2015 at 18:18

    Tante belle parole sull’editoria sana, le pubblicazioni come dio comanda, il pagare meno per pagare tutti, poi uno chiede di lavorare dando prova delle sue incredibili qualità correttoriche e viene calata giù una cortina fumogena degna d’uno stato oltre cortina quando c’era la cortina.
    E ditelo che volete che si lavori gratis, ditelo!

  • El cugino del parente di secondo grado... Reply

    25 Maggio 2015 at 20:23

    Lo vedi?

  • Francix Reply

    5 Giugno 2019 at 18:51

    Cialis Prix Lilly Real Doxycycline Drugs Shipped Ups Propecia Engorda Caida Del Cabello [url=http://mailordervia.com]buy viagra online[/url] Zithromax For Babies Viagra 100mg Forum

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password