Libri a Colacione 20 ottobre 2018

 Libri a Colacione 20 ottobre 2018

Tornano i Libri a Colacione, la rubrica dei libri di Tutto Esaurito su Radio 105! Ecco i consigli della settimana: Figli dell’estate di Monika Eld e In difesa del cibo di Michael Pollan.


Vuoi ascoltare la puntata? Ecco il podcast!


FIGLI DELL’ESTATE
di Monika Eld, traduzione di Susanne Kolb, Neri Pozza, pagine 224, anche in ebook

FIGLI DELL’ESTATE di Monika Eld, traduzione di Susanne Kolb, Neri Pozza,

Quanto si può stare ad ammirare lo spettacolo del cielo? Seduto su una panchina, al sole dell’estate, Kolja quel pomeriggio il senso del tempo lo ha perso. E ha continuato a farlo anche quando è arrivata Rania e l’ha guardata nuotare. Poi lei si è accomodata accanto a lui. Una vicinanza che ti stordisce, se hai 15 anni e ti sei preso una cotta.

Ma quel tempo non era un tempo qualunque. E gliene hanno chiesto conto il padre, la madre, la polizia, i medici… che cosa ha fatto? Per quanto? E poi? Poi cos’è successo?

Quello che accadeva sempre. Sul finire del giorno Kolja e sua sorella Malu si concedevano un ultimo bagno. Malu preferiva la piscina, Kolja il mare. E quella volta non era andata diversamente, a parte il fatto di essersi separati. A parte il fatto che nella piscina Malu era affogata.

Una “figlia dell’estate”, così li chiamano questi ragazzi addormentati, imprigionati in un non tempo, il coma vegetativo. Si sveglieranno, si sveglierà Malu? Nessuno lo sa.

Qual è la punizione per un figlio che non ha salvato, che non ha rimediato? Che non ha. Sono non parole, non carezze. Una non famiglia da cui fugge, trovando riparo proprio nella clinica dove riposa sua sorella, che sembra una principessa delle fiabe.

E poi c’è Rania. Quando la ritroviamo è ormai una donna, ed è diventata una psicologa. Per lei i ricordi, anche i suoi, sono motivo di studio. Adesso, per esempio, si sta occupando dei luoghi dell’infanzia, del peso di questa mappa di ricordi ed emozioni. Perché chi invecchia in un posto diverso da quello in cui è nato, nella maggior parte delle volte, è afflitto da un potente senso di nostalgia.

Che cosa ricorda Rania del luogo in cui è nata? Il mare, il vento, dei vermi, anche le meduse. Ricorda il suo cane ucciso, un’amica che non è più tornata. E poi un giorno ricorda anche una panchina, il sole, un cumulo di vestiti, un ragazzo biondo…

IN DIFESA DEL CIBO
di Michael Pollan, traduzione di Giovanni Luciani, Adelphi,  pagine 252, anche in ebook

IN DIFESA DEL CIBO di Michael Pollan, traduzione di Giovanni Luciani, Adelphi

L’alimentazione occidentale è sana? E le malattie occidentali allora? Se c’è una cosa certa è che tutte le malattie che affliggono l’Occidente – dal diabete ai disturbi cardiovascolari – sono spuntate fuori nel momento esatto in cui è stato abbandonato il cibo, quello vero, per la moderna alimentazione.

Se pensate che la questione riguardi soltanto gli Stati Uniti, la patria del fast food, vi sbagliate. Oggi, nel mondo, il numero degli obesi ha superato per la prima volta il numero delle persone che soffrono di denutrizione. Evidentemente il modello fast food ha fatto proseliti…

E se pensate che sia solo colpa degli Stati Uniti, della loro agricoltura industriale, del loro cibo “finto”, vi sbagliate di nuovo: perché sono anche il primo dei Paesi che ha fatto i conti con questo problema alimentare e sta cercando di rimediare, riscoprendo il cibo – quello vero – e il piacere del mangiare. Insegnando alle persone che il cibo sano, il cibo etico è anche il migliore per il pianeta.

Il problema ce l’abbiamo anche noi italiani, tutti i giorni. Che cosa dobbiamo mangiare? Quanto? Se ci pensate, che un essere umano si domandi di cosa nutrirsi è ben strano… agli altri animali non accade! Sembra che la nostra cultura, le tradizioni, le indicazioni della mamma non bastino più: abbiamo bisogno di esperti nutrizionisti per mangiare.

Ma la domanda non è amena: che cosa devo mangiare? Perché, se “cibo” è ciò che è commestibile, oggi di commestibile nei supermercati troviamo infinite pietanze… che, però, non sono cibo! Quindi la prima cosa saggia da fare sarebbe quella di mangiare cibo vero, non assemblato. E siccome un mucchio di cibi fantasiosi, integrati e assemblati con fantasiose aggiunte, si spacciano per salutari, forse sarebbe bene evitarli perché non sono cibo vero.

Non si tratta di dieta, di etica (essere vegetariani o vegani), non si tratta solo di business (e l’industria alimentare è un “giocattolo” che vale 32 miliardi di dollari), tocca ammettere che quello che mangiamo è profondamente influenzato dal marketing alimentare (che in realtà è un business e ci vende ciò che gli conviene vendere) e dalla scienza nutrizionista che ci dovrebbe spiegare perché mangiarlo… solo che le idee di quest’ultima sono piuttosto mutevoli.

Ed ecco che ci dice: no ai grassi animali; no agli oli idrogenati; una dieta povera di grassi però non ti salva, una dieta ricca di fibre neppure; viva gli omega-3, fondamentali o forse no; il pesce due volte la settimana e sei al sicuro dall’infarto o forse no.

E con tutta questa “scienza” dell’alimentazione il cibo ha smesso di essere tale e si è trasformato nei suoi nutrienti: i grassi, le proteine, i carboidrati, le vitamine, i sali minerali… e siccome non li vedo, siccome non so che cosa siano e dove siano, ho bisogno degli esperti. Ed ecco che la nutrizione si è fatta scientifica.

Ciò che è certo? I consigli sull’alimentazione non hanno migliorato la nostra salute. Ci hanno al contrario ammalato e ingrassato. Siamo ossessionati dal mangiare sano ma non siamo sani.

Quindi? In questo libro non troverete un esperto nutrizionista, né un guru dell’alimentazione… ma un giornalista che osserva il banchetto che imbandiamo ogni giorno e si pone delle domande sul cibo, su come è mutato il modo di produrlo. E sono tutte domande incredibilmente interessanti, risposte comprese.

Ti sei innamorato di un libro? Condividilo e raccontami perché è speciale e diventerà il prossimo BookBlister consiglio della settimana! Manda una mail a info@bookblister.com
Annuncio digiqole

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *