Figli dell’estate – Monika Eld – Neri Pozza
Autore: Monika Eld
Traduzione di Susanne Kolb
Casa editrice: Neri Pozza
224 pagine
Compra adesso

Figli dell’estate – Monika Eld – Neri Pozza

Quanto si può stare ad ammirare lo spettacolo del cielo? Seduto su una panchina, al sole dell’estate, Kolja quel pomeriggio il senso del tempo lo ha perso. E ha continuato a farlo anche quando è arrivata Rania e l’ha guardata nuotare. Poi lei si è accomodata accanto a lui. Una vicinanza che ti stordisce, se hai 15 anni e ti sei preso una cotta.

Ma quel tempo non era un tempo qualunque. E gliene hanno chiesto conto il padre, la madre, la polizia, i medici… che cosa ha fatto? Per quanto? E poi? Poi cos’è successo?

Quello che accadeva sempre. Sul finire del giorno Kolja e sua sorella Malu si concedevano un ultimo bagno. Malu preferiva la piscina, Kolja il mare. E quella volta non era andata diversamente, a parte il fatto di essersi separati. A parte il fatto che nella piscina Malu era affogata.

Una “figlia dell’estate”, così li chiamano questi ragazzi addormentati, imprigionati in un non tempo, il coma vegetativo. Si sveglieranno, si sveglierà Malu? Nessuno lo sa.

Qual è la punizione per un figlio che non ha salvato, che non ha rimediato? Che non ha. Sono non parole, non carezze. Una non famiglia da cui fugge, trovando riparo proprio nella clinica dove riposa sua sorella, che sembra una principessa delle fiabe.

E poi c’è Rania. Quando la ritroviamo è ormai una donna, ed è diventata una psicologa. Per lei i ricordi, anche i suoi, sono motivo di studio. Adesso, per esempio, si sta occupando dei luoghi dell’infanzia, del peso di questa mappa di ricordi ed emozioni. Perché chi invecchia in un posto diverso da quello in cui è nato, nella maggior parte delle volte, è afflitto da un potente senso di nostalgia.

Che cosa ricorda Rania del luogo in cui è nata? Il mare, il vento, dei vermi, anche le meduse. Ricorda il suo cane ucciso, un’amica che non è più tornata. E poi un giorno ricorda anche una panchina, il sole, un cumulo di vestiti, un ragazzo biondo…

Monika Eld costruisce una storia toccante sul dolore e il senso di colpa. Ricordandoci che la nostra memoria, più di ogni altra cosa, parla di noi. Dei nostri dolori, delle nostre paure e di come abbiamo tentato di renderli più sopportabili. Fallendo.

<

3 Commenti

  • Lessquisp Reply

    6 Giugno 2019 at 0:14

    buy legit accutane Vigra For Men Purchase Discount Doxycycline [url=http://leviprices.com]order on line levitra[/url] Achat Cytotec Espagne Cialis 20 Anwendung

  • Stevendupt Reply

    11 Giugno 2019 at 0:16

    Anaphylaxis To Amoxicillin [url=http://deantxi.com]viagra vs cialis[/url] Blastofen 20mg Combivent Inhalers Without Prescription

  • Stevendupt Reply

    24 Giugno 2019 at 22:48

    Amoxicillin Allergic Reaction Symptoms In Children Commander Lioresal Cheap Tadapox [url=http://buycheapciall.com]cialis 20mg for sale[/url] Amoxicillin And Wine

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password