Libri a Colacione 23 marzo 2019

Libri a Colacione 23 marzo 2019

Tornano i Libri a Colacione, la rubrica di Tutto Esaurito su Radio 105! Questa settimana: L’anno dei fuggiaschi di Sunjeev Sahota e Foriclassle di Malcoolm Gladwell.


Vuoi ascoltare la puntata? Ecco il podcast!


L’ANNO DEI FUGGIASCHI
di Sunjeev Sahota, traduzione di Sara Reggiani, Chiarelettere, 506 pagine, anche in ebook

L’ANNO DEI FUGGIASCHI di Sunjeev Sahota, traduzione di Sara Reggiani, Chiarelettere

Randeep, Avtar, Tarlochan. Tre ragazzi che hanno lasciato l’India e stanno cercando in Inghilterra la possibilità di una vita. Una vita che quando li incontriamo non concede loro granché e di certo non fa sconti.

Si arrabattano, nella città di Sheffield, tra un lavoro precario e l’altro, devono fare i conti con il razzismo, il finto perbenismo, lo sfruttamento. Con il cinismo e l’indifferenza non solo del Paese che li ospita ma degli stessi connazionali.

Sono tre ragazzi molto diversi e diverse sono le storie che hanno alle spalle e che conosciamo a poco a poco. C’è chi è cresciuto con tutti gli agi ma, quando il padre è stato licenziato, si è visto costretto ad accettare un matrimonio di comodo per ottenere il visto e cambiare Paese. C’è il figlio del negoziante che quando gli affari sono andati male si è trovato seppellito dai debiti e adesso deve ripagarli. C’è il giovane che appartiene all’ultimo scalino della piramide sociale e in patria non avrebbe potuto fare altro che soccombere, ed è arrivato in Inghilterra come clandestino.

E poi c’è Narinder. Lei in Inghilterra c’è nata e rappresenta il bilico tra la società in cui vive e il Paese da cui proviene, perché la sua vita è profondamente permeata dalla cultura e dalla religione sikh. Questa ragazza che deve sopravvivere a una ferita del passato vuole a tutti i costi aiutare gli altri… e così scoprirà la sorte di chi scappa.

Questo è un romanzo politico che affronta temi come l’immigrazione, l’accoglienza. Temi che non possono essere soltanto uno strumento di propaganda ma sono questioni etiche che costringono ciascuno di noi a interrogarsi. Purtroppo, le risposte non sono mai né facili né scontate perché il mondo cambia se lo osservi da un altro punto di vista.

Ed è un romanzo di formazione perché ci racconta un anno nella vita di ragazzi che sono poco più che adolescenti, un anno fatto di conflitti che trasformeranno ciascuno di loro e gli mostreranno non solo i propri limiti e quanto un sogno ti possa permettere di spostarli ma le loro zone d’ombra e disumanità. Perché è quando sei messo all’angolo che la vera natura, anche quella più crudele, emerge.

FUORICLASSE: STORIA NATURALE DEL SUCCESSO
di Malcoolm Gladwell, traduzione di Elisabetta Valdré, Mondadori, 252 pagine, anche in ebook

FUORICLASSE: STORIA NATURALE DEL SUCCESSO di Malcoolm Gladwell, traduzione di Elisabetta Valdré, Mondadori

Il successo è frutto di talento e della fatica. Del lavoro. Della dedizione. Oppure no? Che cosa accomuna le persone che nella vita ce l’hanno fatta e hanno raggiunto grandi risultati?

Ecco che questo libro raccoglie le storie di alcuni fuoriclasse che hanno compiuto nel proprio campo imprese straordinarie: programmatori di software, rockstar, magnati dell’industria… e analizzando le loro vite l’autore ci dimostra che quando parliamo di successo sbagliamo tutto.

C’è qualcosa di profondamente sbagliato nel nostro modo di interpretare il successo.

Commettiamo per prima cosa un grande errore di valutazione che ci impedisce di vedere per davvero che cosa sia il successo. Cioè diamo per scontato che le caratteristiche individuali di una data persona, spieghino perché abbia raggiunto l’apice oppure no.

Perché secondo l’autore le spiegazioni del successo in termini prettamente individuali non reggono. Non bastano. Si dimentica, soprattutto, un dato fondamentale: le persone non vengono dal nulla. Siamo inseriti in un contesto, in una storia, in una serie di sollecitazioni/benefit/privilegi/problemi che possono favorire o no il nostro raggiungimento degli obiettivi.

Quindi dobbiamo smetterla di chiederci sempre come sono le persone di successo dobbiamo iniziare a chiederci da dove vengono.

Vogliamo sapere come sono, conoscerne la personalità, sapere quanto sono intelligenti, che vita conducono, quali talenti innati possiedono.

Si tratta di abbattere l’idea che i fuoriclasse siano semplicemente i più brillanti divinità che per puro caso piombano sul nostro pianeta. Sono persone il cui talento consiste nel mettere a frutto le opportunità che gli sono state concesse. Opportunità legate al luogo geografico, alla storia familiare, all’etnia, alla scuola frequentata…

A questa analisi l’autore associa la teoria delle 10.000 ore. Non potrai eccellere in nessuna attività se non le avrai dedicato almeno 10mila ore! Quindi, se pensate che basti nascere nel posto giusto al momento giusto, col cavolo!

Non ci si esercita quando si è diventati bravi. Ci si esercita per diventare bravi.

Perciò il successo è una complessa ricetta i cui ingredienti sono talento, dedizione, contesto… Quel che è certo? Il successo non capita all’improvviso! E soprattutto siamo tutti responsabili del fatto che ci siamo grandi talenti oppure no, perché il mondo che creiamo, le opportunità che diamo, ciò che condividiamo… creano le premesse per poter eccellere.

Ti sei innamorato di un libro? Condividilo e raccontami perché è speciale e diventerà il prossimo BookBlister consiglio della settimana! Manda una mail a info@bookblister.com
<

0 Commenti

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password