Un, due, tre… Strega!

Che lo amiate, detestiate o ignoriate di proposito – inutile affannarsi – ogni anno, imperturbabile, Lui c’è.

Parlo del premio Strega il più noto del narrativo Stivale (traduzione = quello che “muove” più copie, che fa vendere ai vincitori e quindi agli editori).

Il suo primo vagito? Nel ’47 quando gli Amici della domenica – intellettuali e scrittori che frequentavano il salotto letterario di Maria Bellonci – cominciano a votare il miglior romanzo dell’anno.
Nientepopodimeno.

Da quel piccolo gruppo che era, la giuria è cresciuta parecchio – pensate ai Gremlins, sì – e, a oggi, consta di 1100 membri. Insomma in Italia ci son quasi più giudici che lettori…
Chi concorre? Romanzi, quindi narrativa in prosa, pubblicati tra il primo aprile dell’anno precedente e il trenta marzo di quello in corso.

Il numero di candidati? Non più di dodici.

Quest’anno siamo arrivati alla XXVII edizione, e proprio oggi sono state rese note le candidature.
Eccole:

  1. Non dirmi che hai paura (Feltrinelli) di Giuseppe Catozzella
    Presentato da Giovanna Botteri e Roberto Saviano
  2. Lisario o il piacere infinto delle donne (Mondadori) di Antonella Cilento
    Presentato da Nadia Fusini e Giuseppe Montesano
  3. Bella mia (Elliot) di Donatella Di Pietrantonio
    Presentato da Antonio Debenedetti e Maria Ida Gaeta
  4. unastoria (Coconino Press-Fandango) di Gipi
    Presentato da Nicola Lagioia e Sandro Veronesi
  5. Come fossi solo (Giunti) di Marco Magini
    Presentato da Maria Rosa Cutrufelli e Piero Gelli
  6. Nella casa di vetro (Gaffi) di Giuseppe Munforte
    Presentato da Arnaldo Colasanti e Massimo Raffaeli
  7. La vita in tempo di pace (Ponte alle Grazie) di Francesco Pecoraro
    Presentato da Giuseppe Antonelli e Gabriele Pedullà
  8. La terra del sacerdote (Neri Pozza) di Paolo Piccirillo
    Presentato da Valeria Parrella e Romana Petri
  9. Il desiderio di essere come tutti (Einaudi) di Francesco Piccolo
    Presentato da Paolo Sorrentino e Domenico Starnone
  10. Storia umana e inumana (Bompiani) di Giorgio Pressburger
    Presentato da Gianfranco De Bosio e Sergio Givone
  11. Ovunque, proteggici (nottetempo) di Elisa Ruotolo
    Presentato da Marcello Fois e Dacia Maraini
  12. Il padre infedele (Bompiani) di Antonio Scurati
    Presentato da Umberto Eco e Walter Siti

BookBlister stavolta proverà a fare il blog (quasi) serio e, ogni settimana, leggerà uno dei romanzi candidati (pure due, altrimenti non ci stiamo con i tempi) cercando di valutare ma senza malignità (la lapidazione come antidoto alla noia non ci garba, sorry) ché la parola “critica” è neutra lo sanno tutti i secchioni. Così da arrivare preparati all’11 giugno, data in cui verrà pubblicata la (famigerata?) cinquina.

A quel punto, avremo tempo fino al 2 luglio per votare il nostro candidato preferito. Perché? Perché a me, e sono sicura a voi lettori, del premio importa poco o nulla. Ci interessa sapere se una trama funziona, se c’è uno straccio di stile, se Nmila copie che verranno vendute sono il frutto di un ufficio stampa dopato o c’è un granello di “fantàsia” nel libro vincitore.

Noi proviamo a scoprirlo. 

Il potere non ce l’hanno gli articoletti furbetti negli inserti culturali o il marketting nei soliti noti programmi tv. Lo avete voi che, quando aprite il portafoglio, fate una scelta.
Paura? Non voi, gli altri, ovvio.

Continua…

<

0 Commenti

  • sandraellery Reply

    11 aprile 2014 at 20:51

    Sì occhei dai leggili tu per noi! Ci fidiamo. Insomma il solito discorso dello sporco lavoro che qualcun deve pur fare : ) Ma come si entra a far parte del comitato direttivo? Buona lettura e speriamo buone storie-

  • Natascia Mameli Reply

    14 aprile 2014 at 16:49

    io ho iniziato leggendo ‘unastoria’ di Gipi, che già per essere il primo ‘graphic novel’ (o fumetto, che dir si voglia) lo trovo meritevole. Poi non credo che riuscirò a leggerli tutti prima del verdetto finale, ma qualcheduno di sicuro… quelli che mi ispirano di più: ‘Bella mia’ ad esempio, e ‘Nella casa di vetro’. Ma non voglio influenzare la giuria, sia chiaro 😉

  • Un, due, tre… Strega! # 1 | BookBlister Reply

    23 maggio 2014 at 12:42

    […] mi fossi dimenticata? Eh, no! Tempo fa ho impavidamente annunciato che avrei detto la mia sulla dozzina dello Strega come un serio lit blog (cosa che BookBlitser non […]

  • Un, due, tre… Strega! # 2 | BookBlister Reply

    31 maggio 2014 at 16:13

    […] son tosta e non temo nulla: seconda settimana e seconda triade dello Strega. Ovviamente l’ordine di lettura segue un complesso algoritmo chiamato: […]

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password