Silence, silenzio

Il silenzio, l’arma del gradasso

“Chi muore in silenzio si vendica delle curiosità altrui” diceva Alda Merini. In effetti, l’assenza di comunicazione è la forma più diabolica di comunicazione.

Esiste un silenzio saggio che serve a placare e zittire il rumore inutile dell’interlocutore in malafede, quello che la voce la usa come fosse fango e con le parole prova a impantanarti. E allora tu che subisci il frastuono devi invertire l’onda sonora e il tacere diventa Silenzio come difesauno scudo, una sorta di meccanismo silenziatore.

Da difesa, però, il silenzio può diventare una raffinata strategia di offesa: se non rispondo, se non parlo, tu non sussisti e neppure i tuoi argomenti. Ti smaterializzo insieme con le tue ragioni. E così il silenzio non è il limite di chi non ha nulla da dire, ma la studiata omissione di chi dire non vuole.

Ed ecco che, se domandi al più noto premio letterario il perché di una serie di curioseZitti zitti viva il silenzio coincidenze, ottieni silenzio. Se chiedi al concorso per esordienti più rinomato sull’italico suolo come mai non dichiari la sua attività di agenzia letteraria, ottieni silenzio (loro la chiamano “risposta meditata”). Se chiedi a un editore come mai una pagina del libro del suo autore di punta sia identica a una di Wikipedia, ottieni silenzio. Se chiedi al centro che dovrebbe preoccupasi della promozione e diffusione dei libri come mai non comunichi in rete alcunché, ottieni silenzio. Se fai presente che il gesto del Loser* (per una campagna per la lettura) non è ideale, ottieni silenzio.

Però, chiariamo, non-comunicare è impossibile e la strategia del silenzio veicola un messaggio preciso che fa più o meno così “m’hai beccato e mo’ cosa ti dico?”. Quindi, voi segnateveli tutti ’sti silenzi, finché non verranno contraddetti dalle parole, saranno dito-mediouna risposta chiara, imbarazzata e vigliacca.

*Postilla: qualcuno ha parlato di malafede, cioè siamo noi in malafede che vi facciamo notare che la “L” di loser è un epic fail per promuovere la lettura, non voi dei Mister Bean della comunicazione?! La prossima volta usate il dito medio, claim: “Chi legge è il numero uno”!

 

<

0 Commenti

  • LFK Reply

    20 febbraio 2015 at 12:39

    C’è spazio per i commenti dopo tutti questi sassolini tolti dalla scarpa? 😀

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      20 febbraio 2015 at 12:48

      Non vorrai mica stare in silenzio?! 😉

      • Alessandro Madeddu Reply

        20 febbraio 2015 at 13:44

        Nei manga, se non erro, esiste la parola che indica il silenzio nella situazione rappresentata in una vignetta. Ecco, adesso sappiamo che qualcosa del genere esiste anche in Italia, ma nella realtà 😀

      • LFK Reply

        20 febbraio 2015 at 13:57

        Non credo che serva commentare troppo. In fondo hai ragione e basta. Tanta ragione. 😉

  • Aldo Costa Reply

    20 febbraio 2015 at 20:53

    Non so. Io avevo un socio una volta, Ogni tanto partiva per la tangente e metteva in riga una serie di cazzate e non smetteva più. Guai a contraddirlo. Se lo facevi raddoppiavi i tempi del pistolotto e del monologo. In quei casi il silenzio era un’arma di difesa.

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      20 febbraio 2015 at 21:31

      Questo silenzio lo conosco… Ed è necessario. Non alimentare le boiate è doveroso. Ne parlo infatti e sì è una difesa, ma non è il caso dei signori citati.

  • Simone, quello di @purtroppo Reply

    21 febbraio 2015 at 5:49

    Ho riso tanto. Ma forse dovrei tacere…

  • Mario Borghi Reply

    21 febbraio 2015 at 10:05

    Perché il silenzio va bene su tutto, fa fine, non impegna e dà quel tocco di dignità residua a chiunque. E’ indice di superiorità, di intangibilità, di grandezza, di tutto insomma.

    Questo è il secondo pezzo che scrivi al quale farò riferimento un domani non troppo lontano, perché ci sono cose, in editoria, assimilabili ai corsi e i ricorsi di Giambattistiana memoria.

  • Premio Calvino Reply

    3 marzo 2015 at 11:55

    Buongiorno, Giovanni Turi ha intervistato sul suo blog “Vita da editor” Mario Marchetti, vicepresidente del Premio Calvino. Riteniamo che l’intervista contenga le risposte alle osservazioni apparse su Bookblister. Se non abbiamo risposto prima, è perché non ci piacciono i toni troppo alti.
    Un cordiale saluto

  • Il Calvino risponde… ma sbaglia blog | BookBlister Reply

    3 marzo 2015 at 15:54

    […] la questione Premio Calvino? La “risposta meditata”, il silenzio e tutto il resto? La domanda è stata fatta il 17 gennaio e la risposta è arrivata! Oggi. Su un […]

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password