Intervista ad Andrea Valente – Ode alle Pecore Nere e alle idee!

Intervista Andrea Valente

Scrivere libri per bambini e ragazzi è una sfida, lo sa bene Andrea Valente che la raccoglie e propone storie brevi e idee folgoranti (e conquista anche i grandi!).

Se alle volte vi sentite una pecora nera, non vi preoccupate, va tutto bene! Lo conferma Andrea Valente: quindici minuti di “pecoranerismo” quotidiano sono una vera salvezza. E se volete capire il perché leggetevi Trecentosessantacinque ottimi motivi per essere una Pecora Nera & andarne fieri (Caminito). Volete un indizio? “Essere una Pecora Nera a volte è difficile, però rassegnarsi a essere una pecora bianca è fin troppo facile e chi si accontenta delle cose facili o ha poco tempo, o ha poca fantasia”.

Per chi non lo conoscesse, Andrea Valente di mestiere fa lo scrittore, il fumettista, l’illustratore… non sa bene come sia cominciato tutto questo creare ma quel che è certo: raccontare e illustrare storie è diventato il suo lavoro.

Nel 1995 è nata la Pecora Nera, il suo personaggio più famoso ma dalla sua penna di idee e personaggi curiosi ne sono usciti parecchi. A cominciare dagli Streghi. Perché, scusate, chi lo dice che ci debbano essere solo streghe femmine? Se non siete convinti leggetevi Gli streghi (Lapis) e approfondite la questione: “Perché di streghe vere o presunte sono pieni i libri di storia e di storie, ma uno strego maschio nessuno lo ha mai visto e nessuno ne ha mai narrato la storia”.

La sua ultima fatica? Si intitola Un’idea tira l’altra. Storie di intuizioni, trovate, fortunati eventi e lampi di genio (lapis) ed è come un forziere colmo d’oro, cioè di stupori. Per esempio voi lo sapete chi ha inventato il cono gelato? E i coriandoli?

Un'idea tira l'altra. Storie di intuizioni, trovate, fortunati eventi e lampi di genio, Andrea Valente, Lapis
Compra subito

E mentre ci ragionate su, ascoltatevi l’intervista e scoprite quello che ci ha raccontato Andrea Valente del suo lavoro e i libri che ci ha consigliato (oltre al suo, ovvio!).

0 Commenti

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password