Capitoli d’Estate # 3 (senza libri che vacanza sarebbe?)

Clicca play per riascoltare la puntata!

ACQUAil-momento-del-distacco
Il momento del distacco. Nove racconti italiani, a cura di Alessandro Greco, Guanda, p. 232 (16 euro) anche in ebook
Chi mi conosce un poco lo sa, io adoro i racconti! Eccone qui nove costruiti intorno al tema del “distacco”. E lo scheletro in copertina suggerisce che il distacco in questione altro non è che la morte. I nove scrittori italiani – tra cui Vichi, Biondillo, Morozzi, De Giovanni… – se la devono così vedere con una faccenda alquanto delicata. Ed ecco che la morte assume diverse facce e significati: perdita, destino beffardo, contrappasso diabolico, consolazione… meraviglioso Il canile il racconto di Sacha Naspini, forse il più ruvido e disturbante. E come scrive Elisabetta Bucciarelli: “Si arriva al punto dove siamo per via di un prima. Ma anche il prima si esaurisce e allora qualcosa ci spinge inesorabilmente da un’altra parte”. Ecco una raccolta da non perdere per tutti quelli che amano attraversare i confini.

TERRA
L’importo della ferita e altre storieL’importo della ferita e altre storie, Pippo Russo, Edizioni Clichy, p. 303 (15 euro)
Io dico sempre che parlar male di un libro è uno spreco se si può raccontare una buona storia. Ma la critica, l’arte di giudicare – senza acredine, preconcetti e snobismi – è appunto tale: non solo un’arte ma un mestiere piuttosto faticoso! E qui l’autore, come un chirurgo, prende i romanzi di penne di grande successo come Faletti, Moccia, Volo, ma pure di scrittori di peso come Scurati e Piperno e cosa analizza? Be’ tanto per cominciare come sono scritti, ché l’italiano non è una opinione. Secondo? Se è stato rispettato il patto fatto con il lettore, cioè: se ti prometto una storia, che storia sia. Terzo? Che il povero lettore non abbia subito il terribile sfoggio di muscoli letterari tipici di un ego non propriamente normodotato. Ne leggerete delle belle – strafalcioni, banalità, alieni del lessico, inciampi delle trame e trame sbadiglianti – a cominciare dalla frase che dà il titolo al libro (leggete e scoprirete di chi è!). Ecco un modo per diventare lettori più attenti, ideale per chi ha sempre sognato di correggere i compiti altrui…

FUOCOBlanca
Blanca, Patrizia Rinaldi, Edizioni e/o, p. 208 (9,50 euro) anche in ebook
Una donna ritrovata in un cratere, due ragazzi scomparsi (uno di famiglia agiata è stato rapito, l’altro pare svanito nel nulla), l’omicidio di un pregiudicato… Al commissariato di Pozzuoli il commissario Martusciello e l’ispettore Liguori sono alle prese con questo dedalo di misteri. Ma la strana coppia – uno che dal popolo viene e del popolo è fiero, l’altro che si dà arie da signore – arranca… finché arriva Blanca: bellissima poliziotta, cieca dalla nascita, specializzata in intercettazioni perché lei “sa decodificare i suoni”. E non solo, perché Blanca è pure bravissima a decodificare le persone. Ed ecco che con il suo arrivo le indagini si innescano per davvero. I tre sono assai diversi ma, in effetti, hanno qualcosa in comune: mentre tutti vorrebbero insabbiare, nascondere; mentre tutti vorrebbero non sapere e non vedere, a loro no, a loro interessa soltanto la verità. Verità che come un filo lega madri e figli, mogli e mariti e amanti, e indaga – con delicatezza ma senza sconti – questi rapporti. Un noir perfetto per chi non può fare a meno di dissotterrare segreti.

7 Commenti

  • polimena Reply

    9 luglio 2013 at 9:20

    Interessanti tutti e tre. Il distacco lo legggerei annche solo per la bella copertina. Quello di Pippo Russo lo leggerei, come suggerisci tu, per diventare lettrice più attenta. Quello di Patrizia Rinaldi per vedere se non è il solito libro con la solita investigatrice cieca (da Almost Blue in avanti ne siamo pieni).

  • rosettasavelli Reply

    9 luglio 2013 at 9:31

    L’ha ribloggato su Gli Scritti di Rosettasavelli's Blog.

  • Chiara Beretta Mazzotta Reply

    9 luglio 2013 at 11:05

    Il terzo vale per la penna. E per l’universo femminile… amo i libri in cui il noir è una scusa (intelligente) per parlare di tutt’altro 😉

    • polimena Reply

      9 luglio 2013 at 11:27

      Pure io. Allora lo metterò in lista…

  • Letizia Simonassi Reply

    9 luglio 2013 at 23:15

    Complimenti Chiara, seguirti e ascoltarti è un piacere e un insegnamento! Letizia

    Inviato da iPhone

  • RADIO 105 – Il momento del distacco (Guanda) | SACHA NASPINI Reply

    11 luglio 2013 at 3:44

    […] dalla puntata del 9 luglio 2013 – a cura di Chiara Beretta Mazzotta ASCOLTA LA PUNTATA […]

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password