Libri a Colacione 17 giugno 2017

Libri a Colacione consigli da leggere di Chiara Beretta Mazzotta ore 9.25 Radio 105

I Libri a Colacione di Tutto Esaurito, su Radio 105, della settimana: Il bambino Giovanni Falcone. Un ricordo d’infanzia di Angelo Di Liberto, Il corpo che vuoi di Alexandra Kleeman e Quando muoio lo dico a Dio. Storie di ordinario estremismo di Barbara Schiavulli. 

Clicca PLAY e ascolta la puntata!

►VOLTAPAGINA
Il bambino Giovanni Falcone. Un ricordo d’infanzia, Angelo Di Liberto, Mondadori, p. 92, ebook

Il bambino Giovanni Falcone. Un ricordo d’infanzia, Angelo Di Liberto, Mondadori
Compra subito.

Qualche giorno fa una poetessa speciale, Chandra Lidia Candiani, alla domanda: «Perché lavori tanto con i bambini?» ha risposto «perché sono più intelligenti.» E certi bimbi non sono solo intelligenti ma sono destinati a compiere gesti speciali, a essere amati, ricordati. Ammirati. A lasciare il segno. A indicare una via. A darci coraggio.

Il piccolo Giovanni di paure ne ha molte ma, sempre, prova a superarle. Per esempio quella del buio. Ma lui il panico lo sconfigge facendo. Cioè scivolando lungo il muro e tastandolo alla ricerca dell’interruttore. La stessa paura ce l’ha quando suo padre gli regala un presepe. Paura e un po’ di delusione. Perché avrebbe tanto voluto una spada per emulare i suoi eroi, i moschettieri! Oddio basta una gamba di legno di una sedia e una pianta di ficus, basta la fantasia per trascorrere le giornate a combattere battaglie, impavido, e affrontare i nemici.

Eppure in questo presepio c’è qualcosa che lo inquieta: una statuina di un pastore con un drappo rosso e quel rosso che tanto gli ricorda il sangue lo mette in agitazione…  lo stesso sangue che talvolta macchia le strade della sua città.

Questa è la storia di un uomo che conosciamo tutti e a cui riconosciamo, soprattutto, una determinazione e una immensa dedizione. Giovanni Falcone ha dedicato la sua vita alla lotta contra la Mafia, è un simbolo, e questo racconto riesce ad aggiungere qualcosa all’immagine che abbiamo di lui. Ci regala una prospettiva inedita dell’eroe.

È una storia che genitori dovrebbero regalare i propri figli per ricordare loro che ci sono uomini di valore. Uomini buoni. Uomini che sono così generosi da donarsi a una causa. E poi dovrebbero leggerlo per ricordarsi che il coraggio è un superpotere che si impara facendo (soprattutto le scelte giuste).

► DA GUSTARE
Il corpo che vuoi, Alexandra Kleeman, traduzione di Sara Reggiani, Black Coffee, p. 300

Compra subito.

Se dovessimo riassumere questa trama in modo geometrico potremmo dire che è un triangolo. A è una donna che ha il terrore di scomparire, di perdere la propria identità; la sua coinquilina, B, le somiglia e la imita ossessivamente, e poi c’è C, l’uomo che A, forse, ama (o, forse è necessario perché perlomeno la rende diversa da B).

A, B e C. Dei nomi viene fatta piazza pulita e non è un caso in un romanzo che parla (anche) di identità. Un romanzo in cui la protagonista ha il terrore di essere confusa con qualcun altro ma pensa che la vera soluzione a tutto il dolore sia affidarsi completamente al volere delle altre persone. Farsi docile tanto da spersonalizzarsi (o super-personalizzarsi?) ed essere infinite esistenze.

Vorrei chiederle com’è che per lei è così semplice, come può essere così semplice essere se stessi. Le domando: «Non hai paura di cosa potrebbe succederti in mezzo a tante comparse? Non hai paura di perderti?»
«No» risponde ridendo. «È solo questione di saper “fingere meglio”, e di solito a questo gioco vinco io».

Se pensate che la cosa non sia troppo chiara vorrei vedervi quando arriverete al punto in cui i vicini di casa di A, quelli che lei spia dalla finestra, spariscono come fantasmi con tanto di lenzuolo sulla testa.

L’obiettivo dell’autrice (forse) è mettervi in difficoltà, generare estraniamento, perché qui si parla (anche) di dissociazione dal reale, di alienazione. E il centro di tutto è il corpo, come lo percepiamo, come lo utilizziamo. Non a caso i temi – le ossessioni sarebbe meglio dire – sono proprio alimentari (A non fa altro che desiderare Kandy Kake e passa il suo tempo libero al Wally, il supermercato, ci sono “fedeli” che predicano la genuinità estrema dei cibi, animalisti che comprano le carcasse dei vitelli…) e legate alla pubblicità. Potente veicolo di percezioni e di significati da attribuire appunto al corpo.

Perderete il senso dell’orientamento, leggendo, alle volte arrancherete persino un poco. Ma vale la pena non capire, se questo mettersi in difficoltà ci costringe a porci certe domande.

► BELLISSIMI
Quando muoio lo dico a Dio. Storie di ordinario estremismo, Barbara Schiavulli, Youcanprint, p. 114, ebook

Compra subito.

Ci sono persone che hanno la fortuna di vedere cose che a noi sono precluse. Perché non si tratta solo di viaggiare in posti lontani o abitare territori pericolosi. Si tratta di saper guardare. Di imparare a fare le domande giuste. Si tratta di spogliarsi delle proprie paure, di smetterla di difendersi e provare a capire. Poi. Saper raccontare è un’altra faccenda.

Barbara Schiavulli è una giornalista. Da vent’anni scrive di guerra. Questa volta affonda il coltello nella ferita – cioè i preconcetti che ci affliggono e i limiti del nostro “sguardo” – e parla di estremismo. Per farlo si assume un altro rischio, affrontare il tema religioso e parlare del mondo musulmano, ebraico e cristiano. Ma lo fa in un modo diverso. Sceglie infatti il racconto per farci conoscere tre vite, tre storie speciali. “Tre storie: una ragazza musulmana colpevole di amare, un ragazzo ultraortodosso ebreo che voleva ballare e quella di un cristiano che voleva essere solo se stesso. Tre storie tratte e ispirate alla realtà.”

Il titolo è preso da una frase che – leggenda vuole – sarebbe stata pronunciata da un bambino siriano ferito da un bombardamento. Vero o falso che sia, è perfetta per questo libro.

“Non c’è un buon estremismo” scrive l’autrice. “Quando si supera il confine del buon senso, dei diritti e dei doveri, diventa il male. Che si tratti di un uomo convinto di finire in Paradiso e si fa saltare in un ristorante o di un vescovo che impedisce a una bambina rimasta incinta dopo essere stata stuprata, di abortire. In nome di Dio si sono stati compiuti atti orrendi. E quando l’uomo perde, Dio non vince.”

► SCELTI DA VOI

Bussola di Mathias Enard
Compra subito.

Il consiglio della settimana è di Giusy: «Vi consiglio Bussola di Mathias Enard (traduzione di Yasmina Mélaouah, edizioni e/o) per la bellezza e per capire l’incomprensione e l’amore sotteso tra oriente e occidente».

Ti sei innamorato di un libro? Condividilo e raccontami perché è speciale e diventerà il prossimo Scelto da voi! Manda una mail a info@bookblister.com

2 Commenti

  • Sandra Reply

    17 giugno 2017 at 10:45

    Proposte interessanti non solo per le trame.
    Il primo l’ho osservato a lungo pensando di regalarlo a mio nipote che tra l’altro si chiama Giovanni e da lettore forte, ha 10 anni, sta diventando lettore monotematico, legge infatti solo una serie di libri sul calcio (Le cipolline), io gli sto molto dietro, sono la zia dei libri, e combatto anche con gli obblighi scolastici che includono libri piuttosto datati e secondo me molto poco stimolanti per le vacanze.
    Il terzo è un self! Quindi hai trovato qualcosa di autopubblicato meritevole, forse un titolo colpito da cecità editoriale.

    • Chiara Beretta Mazzotta Reply

      21 giugno 2017 at 10:40

      Le cipolline!? Devo documentarmi subito!
      E per il self: Barbara è una ottima giornalista. Molto seria. E scrive cose che spiccano. Se ti interessano le news dal mondo, seguila su Radio Bullets, lei e le sue colleghe fanno un lavoro egregio.

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password