Come non scrivere – Claudio Giunta
Autore: Claudio Giunta
Casa editrice: Utet
328 pagine
Compra adesso

Come non scrivere – Claudio Giunta

Chat, post, mail… con la tecnologia il nostro rapporto con la scrittura è diventato quotidiano e necessario. Per non parlare chi comunica, per lavoro e chi, per lavoro, scrive. Nel gruppo ci metto – ovvio – anche gli aspiranti scrittori. Tutti hanno la necessità di usare le parole con cura, per trasmettere con efficacia il proprio pensiero.

Non basterebbe leggere tanto per imparare a scrivere meglio? Certo, ma i buoni libri hanno solo un difetto: mascherano la fatica di cui sono fatti; perché una prosa efficace, un dialogo ben scritto spesso sembrano “semplici”. I brutti libri, al contrario, possono essere molti utili per vedere che cosa non si dovrebbero fare e come non si dovrebbe scrivere.

Per risparmiarvi la fatica di una pessima lettura vi consiglio questo manuale di “non cattiva scrittura” do Claudio Giunta che, ben sapendo quanto sia complesso insegnare a scrivere bene, parte dal “male”, cioè si concentra sulle cose che non andrebbero fatte.

Tanto per cominciare imparate a memoria tre leggi fondamentali che dovrebbero guidare il nostro scrivere.

  1. La legge di Borg: quando si scrive bisogna impegnarsi.
  2. La legge di Silvio Dante: chi parla o scrive per farsi capire, deve parlare e scrivere chiaro.
  3. Legge di Catone: se conosci la cosa di cui vuoi scrivere, le parole verranno da sole. Cioè non si può parlare di ciò che non si conosce.

Dall’importanza della lettura e del saper trattenere ciò che si è letto, a come si imposta un testo leggibile e arioso, passando per l’antilingua (e i danni della scrittura “elegante” che impariamo a scuola), il testo raccoglie consigli utili per sbloccare la scrittura, organizzare il pensiero e spolverare un po’ di sintassi e regole per una punteggiatura efficace. Senza dimenticare le brutture (frasi fatte, cliché e semplici scemenze) da evitare a ogni costo.

L’obiettivo non è soltanto scrivere meglio ma sradicare la pessima credenza che la buona scrittura sia inutilmente complicata e artificiosa: la scrittura deve essere limpida e fruibile, prima di tutto.

<

0 Commenti

Lascia il tuo commento

Login

Welcome! Login in to your account

Remember me Lost your password?

Lost Password