Il cane di Shakespeare

 Il cane di Shakespeare

Wolfsleach, quell’ingordo cagnaccio tutto pelo, stava giocando con Marr in mezzo al prato, e quando mi vide corrergli incontro con le zanne luccicanti cominciò ad agitarsi tutto sbavante e in preda al panico, e assestò a Marr un sonoro calcio nel posteriore che la mandò a piroettare sulle quattro zampe, frignando di rammarico per il divertimento interrotto e sbavando con la bocca giallastra. Tu, schifoso leccaculo, pensai, cagnaccio dalla lingua infetta di candida, in perenne fregola; che il diavolo ti porti. Gli addentai al volo pelliccia e cartilagine, e continuai a stringere. Blah brrr, oof grrr, bestiaccia ansimante e rognosa con piedi di porco al posto del cervello che ti strusci senza ritegno, e nel mio giardino! Qui ne va dell’onore, direbbe quel Due Zampe dagli occhi a palla. Beh, assaggerai il veleno dei miei denti, conoscerai la giusta ira e il castigo di Hooker. Avrai le punte dei miei artigli dove una volta avevi i gioielli di famiglia. Uff uff, warf warf, bestia maledetta.
Wolfsleach si era rimesso in piedi e si era dato alla fuga, lo smidollato, ma non poteva andare che da un muro all’altro o girare intorno a un olmo spoglio, cosicché, maldestro com’era, si ritrovò presto tra le mie grinfie ed essendo anche un vile commediante si mise a piangere con la coda tra le gambe. «Non pestatemi, Mr Hooker, stavo solo… non stavo facendo niente di male!». Così lo azzannai di nuovo, quel volgare furbastro, per aver mentito e per aver messo in mezzo la povera Marr, la quale si era ripresa dallo stordimento quel tanto da inseguirci da muro a muro e intorno all’olmo rattrappito, nonché mordere i calcagni all’uno e all’altro col risultato di farmi inciampare proprio mentre mettevo all’angolo Wolfsleach e gli affondavo più e più volte i denti nel muso ispido.
Pisciasotto! sbraitavo ansimando e sputando. Bastardo annusafoglie!
Era tutta la mattina che cercavo il bastardino, fin da quando mi ero accorto che aveva girato attorno a mia sorella Terry riuscendo alla fine a ingropparsela e per giunta a metterla incinta.
«Mi dispiace, Mr Hooker» piagnucolò quella testa di legno. «Non dovete dar peso alle apparenze. Mai e poi mai farei del male a vostra sorella Terry o alla vostra amata Marr, a cui stavo solo togliendo le pulci».

Il cane di Shakespeare, Leon Rooke, traduzione di Manuela Francescon, Elliot, p. 173 (16 euro)

Annuncio digiqole

Articoli correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *